Lettore medio

Macerie Prime (Zerocalcare)

Perché è vero che il lavoro mio va meglio di dieci anni fa, in un modo che non potevo neanche sperare. E c’ho una casa con la camera degli ospiti.
Ma tutto il resto? Tutto quello che alcuni hanno costruito, quanto sono cresciuti, le paure che hanno affrontato… mentre altri rimanevano congelati”.

Macerie Prime

Comincia con una rimpatriata “Macerie Prime” il nuovo graphic novel di Zerocalcare. L’occasione è il matrimonio dell’amico Cinghiale. Durante l’evento gli amici convincono Zerocalcare a partecipare ad un bando di concorso per proporre dei progetti nelle scuole, permettendo loro di incontrarsi con maggiore regolarità. Ritroviamo così personaggi che abbiamo già conosciuto e amato (almeno per me!) nei lavori precedenti: Secco, che vive di scommesse e di poker on line; Sarah, che sogna un futuro da insegnante, mentre svolge un lavoro ripetitivo e sottopagato; Katja, che vorrebbe trasferirsi a Roma e impiegare il suo tempo coi bambini, e il suo ragazzo Deprecabile, il “fratello maggiore” del gruppo. Non ultimo Cinghiale che, dopo le nozze, è alla ricerca di un lavoro stabile.
Questi frequenti brainstorming con gli amici di una vita, porteranno Zerocalcare, e di conseguenza il suo alter ego reale, a una riflessione amara su un tema a lui caro: la precarietà, tanto dal punto di vista lavorativo quanto sentimentale.
Un fenomeno che accomuna molti trentenni di oggi e che acuisce la sensazione di sentirsi sempre inadeguati rispetto alle convenzioni sociali. In più si aggiunge il proprio senso di colpa (ingiustificato, a mio parere) per essere migliorato nel proprio lavoro, raggiungendo una stabilità economica, mentre gli altri arrancano tra contratti a progetto e sottopagate collaborazioni.

“Macerie Prime” è un graphic novel corale dove ognuno dei protagonisti deve fare i conti con qualcosa: che sia il desiderio di un futuro migliore, l’attesa per il lavoro perfetto o semplicemente poter crescere e vivere la vita come si vorrebbe. É un libro, questo, sulle aspettative disilluse e i sogni infranti di una intera generazione che, nonostante tutto, continua a lottare e sperare.
Come nei precedenti lavori (“Un polpo alla gola”, “Dimentica il mio nome”, “Kobane Calling”) Zerocalcare sceglie di non incentrare il racconto solo sul suo alter ego ma di dar voce anche ad altri personaggi, ognuno con una storia e personalità ben definite.
Senza nulla togliere allo stile, semplice ed efficace, ai continui richiami a serie tv e film celebri, la capacità di ridere riflettendo è il vero punto di forza della produzione di Zerocalcare.

Titolo: Macerie Prime
Autore: Zerocalcare
Genere: graphic novel – autobiografico
Casa editrice: Bao Publishing
Pagine: 185
Anno: 2017
Prezzo: € 17
Tempo medio di lettura: 2 ore
Snack consigliato: quelli preferiti dell’autore, plumcake e latte freddo.
Serie tv consigliata: Game of thrones, Breaking Bad, The walking dead.

L’autore
Michele Rech, in arte Zerocalcare è nato a Arezzo nel 1983. Nel novembre 2011 apre un piccolo blog a fumetti dove racconta storie a sfondo autobiografico e nello stesso anno viene pubblicato il suo primo libro “La profezia dell’armadillo”. Nel 2012 vince il premio Macchianera Awards come “miglior disegnatore – vignettista”, nel 2015 è secondo al Premio Strega giovani per il libro “Dimentica il mio nome”. Infine nel 2016 viene pubblicato “Kobane Calling” un volume che raccoglie il reportage pubblicato a puntate su “L’Internazionale” e che racconta l’esperienza di Zerocalcare con i combattenti curdi che si battono contro l’ Isis sul confine turco-siriano.

Giovanna

 

 

Annunci

Un pensiero riguardo “Macerie Prime (Zerocalcare)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...