Lettore medio

La sovrana lettrice (Alan Bennett)

bc26970c6fae533bff24cd7e6c694cb5_w600_h_mw_mh_cs_cx_cyL’attrattiva della lettura, rifletté, consisteva nella sua indifferenza, nella sua totale mancanza di deferenza. I libri se ne infischiavano di chi li leggeva; se nessuno li apriva, loro stavano bene lo stesso. Un lettore valeva l’altro e lei non faceva eccezione. La letteratura, pensò, è un Commonwealth; le lettere sono una repubblica.

È un giorno come tanti a Buckingam Palace. La routine quotidiana della regina è interrotta dall’arrivo della biblioteca circolante del distretto di Westminster, ovvero un grosso furgone dei traslochi stracolmo di libri. Superata la sorpresa iniziale, la sovrana si presenta al bibliotecario, il signor Hutchingse a Norman Seakins, un ragazzo dai capelli rossi, unico frequentatore della biblioteca.
La sovrana decide di prendere in prestito un romanzo: non immagina le conseguenze che quel gesto provocherà col tempo. I libri,che in passato aveva considerato semplici elementi decorativi,ora le si rivelano come qualcosa di nuovo e stupefacente, veicoli di storie, emozioni e idee. E così, un libro dopo l’altro, la regina comincia a prendere coscienza di tutta una serie di verità e realtà che prima aveva ignorato.
I suoi consiglieri e ministri cercano di sabotare questo nuovo e pericoloso interesse: che la regina legga non costituisce un grande problema, ma lo diventa quando questo svago inizia a incidere sui suoi impegni pubblici o addirittura le mette in testa strane idee. Ciò diviene inaccettabile. E così vengono raccontati tutti i tragicomici espedienti a cui l’arzilla sovrana dovrà ricorrere per procurarsi i suoi preziosi testi, ma anche per risolvere il problema che da sempre attanaglia chi condivide questa passione: dove trovare il tempo per leggere?

L’idea su cui si basa questo breve romanzo umoristico, “La sovrana lettrice” edito da Adelphi, è tanto semplice quanto efficace: “La sovrana lettrice” è un inno all’amore per la parola scritta e i suoi benefici, di come una mente a lungo atrofizzata e risparmiata dal gravoso peso di formulare pensieri e idee, sia richiamata all’attività da un gesto tanto semplice come quello di aprire un libro. Il tutto è condito da una buona dose di ironia e houmor britannico di cui l’autore Alan Bennett è portatore sano.

Titolo: La sovrana lettrice
Autore: Alan Bennett
Genere: Umoristico
Casa editrice: Adelphi
Pagine: 95
Anno: 2007
Prezzo: € 8,00
Tempo medio di lettura: 2 giorni
Consiglio di lettura: Rispettare le tradizioni britanniche, non rinunciando al tè coi biscotti.

L’autore
Alan Bennett oltre a essere scrittore è anche drammaturgo, sceneggiatore e attore. Si è laureato in storia all’Exeter College ad Oxford dove è rimasto diversi anni come insegnante e ricercatore prima di decidersi a dedicarsi completamente alla scrittura e al teatro. La maggior parte della sua produzione letteraria è caratterizzata da uno spiccato senso dell’umorismo e da una sottile critica sociale ed è pubblicata in Italia dalla casa editrice Adelphi.

Giovanna

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...