Lettore medio

La teoria di Camila (Gabriella Genisi)

9788860044631_0_0_0_75“Cercai ovunque, frugai ogni cartellina, lessi ogni carta, aprii ogni scatola o cassetto, guardai ogni foto. Non c’era niente per me. In quegli ultimi mesi della sua vita mio padre mi aveva dimenticato. Fu allora che piansi la sua morte.”

Gabriella Genisi dopo il grande successo del commissario Lolita Lobosco, ha deciso di accantonare momentaneamente il poliziesco e di tentare un genere nuovo, infatti per Giulio Perrone Editore ha pubblicato La teoria di Camila.
Marco Bufalino in una sera di giugno riceve un sms dalla badante del padre, Camila, ed apprende la tragica notizia della sua morte. Il libro si incentra su uno dei momenti più brutti che ognuno di noi è costretto ad affrontare; la perdita di un genitore: per Marco si prospetta una delle notti più lunghe e sofferte della sua vita. Girovagando nella casa in cui è cresciuto, è costretto a fare i conti col proprio passato e soprattutto con quello del padre. L’autrice scrive con uno stile unico e d’impatto, ogni sensazione di Marco viene trasmessa con la massima empatia: impossibile non immaginarsi le stanze della casa o la forte premura di Camila nei confronti di questo figlio che oramai è diventato adulto. Marco ha, negli anni, posposto l’amore per il padre agli impegni personali, rendendosene conto soltanto quando ormai è troppo tardi.
Altro tema è la presenza delle badanti, ragazze straniere che vivono nelle nostre città, che non solo accudiscono i genitori al posto dei figli ma diventano veri e propri membri della famiglia. Un libro che parla di morte ma allo stesso tempo di rinascita, Marco rivaluta la propria vita privata: i suoi due matrimoni, il rapporto con i figli e soprattutto Camila, perché spesso una famiglia non è determinata da un legame di sangue ma da un legame d’amore.
A distanza di giorni dopo aver letto questo romanzo, ancora non trovo termini per poterne esprimere le emozioni che mi ha trasmesso: le parole sono dirette, ti colpiscono senza pause in un libro di meno di 200 pagine, caratterizzato da una scrittura semplice e priva di infiorettature letterarie.
Per chi si chiedesse qual è la teoria di Camila, vi dirò: è un gesto molto semplice ma che si tende a sottovalutare… ovviamente spetta a voi leggerla, ma nel frattempo sentiamo l’autrice cosa ci può dire di questo piccolo gioiello…

Nome: Gabriella
Cognome: Genisi
La teoria di Camila. Come è nata l’idea di questo libro? Le idee di un nuovo libro arrivano per caso. Attraverso un viaggio, un libro letto, una persona che incontri. La teoria di Camila arriva in seguito a una lettera pubblicata sul Corriere della Sera molti anni fa. L’emozione che produsse generò il bisogno di scriverne.
Ti conosciamo per la serie del commissario Lolita Lobosco, adesso invece un protagonista maschile. Quanto è stato divertente/difficile/emozionante dar vita a un personaggio del genere? Nel mio primo libro, Come quando fuori piove, senza neanche rendermene conto, diedi voce a un personaggio maschile. Raccontare di Marco è stato un ritorno.
Perché proprio Roma come set di questa storia? In questo libro Roma è solo fondale. La storia che racconto potrebbe accadere in qualsiasi città. Per questo ho scelto una città universale. Al contrario, nella serie del Commissario Lobosco, Bari è protagonista, oltre che teatro della storia.
Il personaggio che maggiormente mi ha colpito è quello di Camila, ma esiste realmente? No, Camila è un personaggio completamente inventato. Eppure ragazze come lei ci passano accanto ogni giorno, abitano le nostre case, si prendono cura dei nostri anziani. Ma sono invisibili, e non ce ne accorgiamo.
Quali feedback hai avuto dai nuovi lettori? E da quelli abituali? Questo libro è stata una scommessa. La maggior parte dei miei lettori mi ha conosciuta con la serie poliziesca. Ma a parte due lettori poco convinti del cambio di registro, sto ricevendo riscontri commoventi.
Un libro (chiaramente non dire il tuo, altrimenti non vale!) che deve assolutamente essere letto? Patrimonio di Philip Roth. Ne La teoria di Camila, in un certo senso c’è traccia di quella lettura.
Il tuo genere preferito? Letteratura, e poesia.
Qualche accenno su progetti editoriali futuri? Una nuova serie noir con un nuovo personaggio, la carabiniera salentina Chicca Lopez.
Saluta i lettori medi: un abbraccio a tutti e buone letture sempre. Abbiamo bisogno di leggere per comprendere la vita.

Titolo: La teoria di Camila
Autore: Gabriella Genisi
Genere: Formazione
Casa editrice: Giulio Perrone editore
Pagine: 157
Anno: 2018
Prezzo: € 13,00
Tempo medio di lettura: 2 giorni
Consigliato: a chi ha dei genitori adulti, a chi è preso troppo dalla propria vita e spesso dimentica che un genitore (ahimè) non è per sempre.

L’autore
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Vive tra Bari e Parigi, amante dell’arte e della cucina, grande appassionata di Andrea Camilleri ed è conosciuta nel mondo letterario grazie alla serie di Lolita Lobosco pubblicata da Sonzogno, inoltre ha pubblicato altri libri come; Come quando fuori piove, Fino a quando le stelle, Il pesce rosso non abita più qui.

Ivan

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...