Lettore medio

E tutti i mostri saranno uccisi (Boris Vian)

9788871688190_0_0_428_75“Prendere un colpo in testa non è niente. Venire drogati due volte di seguito nella stessa serata non è troppo sgradevole… Ma uscire a prendere una boccata d’aria e ritrovarsi in una camera sconosciuta con una donna, entrambi in costumi adamitici, comincia a essere un po’ troppo. Quanto a quello che mi è successo dopo…”

Il giovane Rock ha appena diciannove anni eppure è tanto bello da attirare gli sguardi lascivi delle donne di tutte le età. Fedele però a un particolare stile di vita sportivo, che prevede un allenamento quotidiano e la più assoluta castità, respinge ogni femmina gli si getti addosso, nell’attesa di raggiungere la completa maturazione fisica. Rock resta dunque turbato quando, durante una serata in un night club, viene rapito da due strani individui e condotto in un laboratorio per accoppiarsi con una signorina estremamente bella e disponibile. Rifiutatosi di collaborare, si risveglia sul marciapiede del club un’ora dopo, scoprendo che durante la sua assenza in quel posto si è verificato un omicidio. Inizia così la sua indagine su quella sospetta catena di eventi, che lo porteranno dove mai avrebbe potuto immaginare.

La prima cosa che colpisce, leggendo “E tutti i mostri saranno uccisi” (edito da Marcos Y Marcos), è l’attualità. Seppure scritto alla fine degli anni ’40, porta avanti una tematica tutt’ora presente nella società di oggi, ovverosia l’ossessiva ricerca della bellezza e della perfezione, lo svilimento della sostanza sull’apparenza. Il malvagio seme del perfezionismo e, soprattutto, della noncuranza verso i diritti e la libertà dell’uomo risiede nell’antagonista di questo romanzo, il dottor Schutz, personaggio misterioso e frivolo, il cui fine è quello di creare in laboratorio una razza di soli belli, a discapito di tutti gli altri. E per Rock e i suoi amici, meno attraenti di lui, ma altrettanto affascinanti, tutto ciò è inaccettabile.
Accompagnando i protagonisti in una rocambolesca caccia all’uomo, il lettore si immerge in un universo brutto, fatto di macchine per la fecondazione, cadaveri smembrati, esseri umani coltivati in laboratorio e perciò più simili ad automi, e ne esce con la consapevolezza di quanto banali siano bellezza e uguaglianza, di quanto noiosi siano il desiderio di omologazione e i corpi privi di qualsiasi difetto. “E tutti i mostri saranno uccisi” è un romanzo all’avanguardia, che ancora oggi, a settant’anni dalla sua prima pubblicazione, sa criticare e far riflettere e mostrare il mondo e i suoi abitanti in tutta la loro meravigliosa imperfezione.

Titolo: E tutti i mostri saranno uccisi
Autore: Boris Vian
Genere: Pulp
Casa editrice: Marcos Y Marcos
Pagine: 216
Anno edizione: 2018
Prezzo: 17,00 euro
Tempo medio di lettura: 3 giorni
Da leggere: al parco

L’autore:
Boris Vian era un artista francese, sfrenato, generoso e geniale. Malato di cuore mai sazio di vita, è stato ingegnere, musicista, scrittore, traduttore, giornalista e sceneggiatore teatrale. Morto nel giugno del 1959 a trentanove anni, ha scritto dieci romanzi, alcuni con lo pseudonimo di Vernon Sullivan. “E tutti i mostri saranno uccisi” è uno di questi.

Claudia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...