Lettore medio

Mister Rochester (Sarah Shoemaker)

arton151806-a33f4.jpgCredete di essermi in qualche modo affine, Jane? Talvolta mi procurate una strana sensazione, soprattutto quando mi siete accanto, come adesso… È come se una funicella assicurata alle mie costole, a sinistra, fosse inestricabilmente annodata a un’analoga cordicella legata al vostro corpo, e temo che se quel mare e duecento miglia di terra ci separassero, questo legame si spezzerebbe…
Così ho l’inquietante sensazione che sanguinerei interiormente, e che voi… voi mi dimentichereste…”

Diciamocelo: Mister Rochester è uno dei personaggi più affascinanti ed enigmatici della letteratura. Descritto come non particolarmente bello, la sua ricchezza e posizione sociale ne fanno, invece, uno dei partiti più ambiti per le donne in cerca di marito. Ma di quello che si nasconde dietro i suoi occhi scuri e l’animo inquieto, il lettore ne ha soltanto una visione superficiale, visto che la storia, così come la conosciamo noi, è stata raccontata unicamente dal punto di vista di Jane Eyre, l’eroina del romanzo che porta il suo nome. Ora, invece, grazie al “Mister Rochester”di Sarah Shoemaker (Beat edizioni) si apre una finestra su questo straordinario personaggio del quale, finalmente, possiamo conoscere il passato e le vicende personali che lo hanno condotto ad essere ciò che così magistralmente è stato descritto da Charlotte Brönte.
Poco considerato fin dalla nascita e palesemente sfavorito rispetto al fratello maggiore Rowland, Edward Rochester sembra essere esclusivamente uno strumento nelle mani del padre, un ricco possidente che preferisce vivere il brivido degli affari piuttosto che languire nella proprietà di famiglia. Per accondiscendere alla volontà paterna, senza per altro conoscerne il fine ultimo, il nostro protagonista arriva perfino nella lontana Giamaica, una terra mitica e straordinaria nelle sue fantasie di ragazzo, che nella realtà si rivela molto diversa: proprio lì il suo destino prenderà quella svolta decisiva che i lettori della Brontë ben conoscono.

La narrazione è ricca di personaggi che contribuiscono alla formazione del protagonista, a partire dai suoi giovani amici, Tocco e Carota, fino al signore e alla signora Wilson, i quali molto più di altri si avvicinano al concetto di famiglia per Edward. Il racconto in prima persona fa sì che Mr. Rochester si apra senza remore al lettore, quasi come fosse una lunghissima confidenza fatta davanti a un bicchiere di whisky d’ottima annata. La Shoemaker si dimostra una perfetta conoscitrice della Brontë: non si percepisce alcuna discrepanza né stridore tra quanto emerge in “Jane Eyre” e la psicologia dei protagonisti in “Mister Rochester”: tutto collima alla perfezione, regalando così al lettore un senso di completezza e la possibilità di sognare ancora su una delle coppie più belle e interessanti della letteratura.

Titolo: Mister Rochester
Autore: Sarah Shoemaker
Casa editrice: Beat Edizioni (Superbeat)
Genere: romanzo biografico – sentimentale
Pagine: 415
Anno: 2019
Prezzo: € 18,00
Tempo medio di lettura: 7 giorni
Romanzo consigliato: naturalmente “Jane Eyre” di Charlotte Brontë.
Filmografia consigliata: “Jane Eyre” di Franco Zeffirelli (1996); “Jane Eyre” miniserie tv di Susanna White (2006); “Jane Eyre” di Cary Fukunaga (2011)

L’autrice
Sarah Shoemaker è nata in un sobborgo di Chicago e ora vive in un piccolo villaggio nel nord del Michigan. Ha lavorato come insegnante e bibliotecaria. “Mister Rochester” è il suo primo romanzo.

Vera

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...